Gli Odori di Caramello

L’odore di affumicato, tostato o “caramellizzato” si avverte spesso nei rossi che sono stati affinati in legno, ma anche nei grandi vini bianchi. Aromi morbidi e levigati, che ricordano sensazioni di miele, di burro e caramello, di toffee e altre situazioni simili.

Questi aromi sono direttamente correlati ad alcune sostanze che possono trovarsi sia nel vitigno, che svilupparsi pian piano attraverso l’invecchiamento. Il diacetile, ad esempio, è il principale responsabile dell’odore di burro, intrinseco in alcuni vitigni in quantità apprezzabili, come il Viognier, che sprigiona fortissime note di burro pur avendo fatto solo affinamento in acciaio; anche il 2,5-diformil furano, conferisce agli Champagne pregiati di lungo invecchiamento il loro tipico odore di miele.

I vini bianchi che si fregiano di questa categoria aromatica si concedono al bevitore in maniera poco invasiva e poco aggressiva, ma decisamente graditi. Sono caratteristiche che non passano inosservate e sono sempre il primo punto di interpretazione nella descrizione degli aromi.

È comunque affidata al 4-metil-guaiacolo e al 4-etil-guiaiacolo la responsabilità delle note caramellate nei vini. Il 4-5-dimetil-2,3-tetraidrofurandione è il principale responsabile del caratteristico aroma dei vini passiti, che mescolandosi alla categoria degli odori fruttati, forma quadri aromatici estremamente morbidi e piacevoli, come la sciroppatura della frutta e le note caramellate di frutta a polpa gialla.

tab caramello

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...