Consigli per falsi esperti

A cosa serva fingersi esperto di vino non lo so, ma ho pensato a chi in enoteca non ci va per bere, a chi ci va per rivalsa culturale, sociale, forse anche sessuale. Questi dieci consigli sono dedicati a tutti quelli che hanno bisogno di esserci per riuscire ad essere.

 

  1. Non dare mai il tuo giudizio. Fingiti molto colpito da ciò che hai appena assaggiato, in silenzio, e fissa un angolo vuoto, lascia intendere che hai scoperto qualcosa di sensazionale, ma sarebbe troppo complicato da spiegare. Non pronunciare mai la parola vino, giraci sempre intorno.
  2. Ordina sempre per vitigno, mai per azienda o denominazione, devi dare l’impressione di conoscere la vera essenza della tua materia.
  3. Chiedi l’annata del vino che ti è stato appena proposto, poi dai l’ok, immediatamente; qualunque essa sia.
  4. Trasforma la conversazione in dibattito se ti trovi davanti a un vero esperto. Non si può avere torto in un dibattito. Potrai anzi, con una buona dose di manipolazione, portare all’attenzione i torti del tuo interlocutore. Se lui ha torto, tu hai ragione.
  5. Scegli una nazione produttrice e adorala pubblicamente. La Georgia o la Nuova Zelanda normalmente funzionano alla grande. Nessuno le conosce, pochissimi ci sono stati.
  6. Ordina una bottiglia molto cara e offri con disinvoltura un paio di bicchieri in giro, non parlare mai di vino, parla del più e del meno. Senza dubbio i dipendenti dell’enoteca faranno sapere ai fortunati il prezzo della tua offerta disinvolta, da esperto.
  7. Bevi poco, stai facendo una dieta per il fegato.
  8. Quando si parla di Sommeliers accenna un sorriso di compassione, parla dei Sommeliers come parleresti di un tuo figlio malato. Un misto di amore, compassione, dispiacere. Poverini quei Sommeliers.
  9. Champagne è una cosa seria, troppo per parlarne. Lascia intendere che sia il tuo principale campo di specializzazione, ma è legato ad un pezzo di passato troppo doloroso; amori, figli, parliamo d’altro.
  10. Se ti senti messo alle strette, esci dall’angolo usando l’infallibile frase: ”sto approfondendo l’olio d’oliva in questo periodo, è un mondo”. Ma dopo questa frase sarai costretto ad andare al tuo appuntamento, del quale aimè sei già in ritardo.

 

Raffaele Rendina

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...